Titolo del dipinto:ElenoireDimensione:cm70xcm70Anno d'esecuzione:2019Tecnica:Acrilico su tela

Quadri astratti acrilico

Titolo del dipinto:Elenoire

Dimensione:cm70xcm70

Anno d’esecuzione:2019

Tecnica:Acrilico su tela

Nei quadri astratti acrilico di Alessandro Tognin la sua splendida arte pittorica si sviluppa in raffinate vibrazioni che sussultano.

La dimensione astratta progredisce verso un’interpretazione simbolico espressionista nella carica emozionale del colore.

In tale carica la metamorfosi del reale incanta l’animo.

La tecnica pittorica quindi traduce un dinamismo visivo mentre si inseguono forme immaginarie.

La sua poetica creativa, segue in alternanza crome più’ intense che svelano momenti vissuti di una irreale realtà. Tutto ciò’ rivela un nuovo sogno.

Ecco che allora , nell’abile ed istintiva gestualità pittorica, le visioni sublimano l’arte nel brillante cromatismo.

Tutto cio’ rievoca un lirico astrattismo di Mondrian che progredisce verso suggestioni coloristiche kandiskiane.

Qui i soggetti rappresentati si spogliano simbolicamente  della loro esteriorità’ per diventare essenza delle cose. Geometria e fantasia, materia  e trasparenza si integrano armonicamente in una visione onirica di bellezza.

Ecco perche’ la narrazione pittorica si fa più articolata, tra piani, sfaccettature e macchie di colore e linee. Esse evidenziano accentuazioni futuristiche, mentre si abbandona alla forza del sogno e dell’inconscio nella dimora esistenziale dell’autore, sempre tradotta con respiro poetico.

Anche lo spazio, apparentemente complesso nel vigore espressivo coloristico, è in realtà la sintesi visiva di un logos ideale di emozioni.  Emozioni che affiorano inconsciamente mediante una ristrutturazione mentale di memorie.

Alla fine la magia della narrazione aleggia nei quadri astratti acrilico di Alessandro Tognin.

Dove il dato reale si confonde con l’impianto progettuale tra liriche geometrie, tra rapide pennellate con un’instantanea e precisa grafica che si fonde in sussulti emozionali e nel libero pensiero dell’Autore.

In tal modo i soggetti rappresentati , spesso non appaiono nella loro interezza, bensì si svelano nella complessa trama pittorica. Resa ancora più’ incisiva ed originale, tra tagli di luce e velature, in cui le fluenti pennellate si evolvono via via in pura luminosità’ e trasparenza come espressione di intima sensibilità’.

Sta qui il fascino nei dipinti di Alessandro Tognin: l’integrazione fra istintività espressiva e rigore compositivo, tra razionalità e pulsione sentimentale, crea un contenuto pittorico , in cui aleggia un senso di mistero, dove la composizione iconografica e l’alchimia coloristica nell’infrangersi delle raffigurazioni, diviene espressione di un’armonia pittorica in simbiosi con l’afflato dell’universo.